La filosofia

Quella che stai per leggere è una riflessione molto importante soprattutto per coloro che vivono del proprio messaggio: Blogger, Autori, Formatori, Coach, Infomarketer, Speaker,Venditori, Esperti, Consulenti, Trainer, Copywriter, Istruttori, Terapeuti, Insegnanti o aspiranti tali…

E’ anche molto importante per ogni “Business Leader”, e per ogni aspirante imprenditore, in qualunque settore.

Ed è molto importante per chiunque offra – o progetti di offrire -  prodotti e/o servizi che migliorano a vita degli altri.

Le strade battute dalla “maggioranza”, sono quelle che di solito funzionano meno (o non funzionano affatto)

Per far crescere il successo della propria “impresa”, qualunque essa sia, tutti (o quasi) seguono una di due strade principali:

  1. diventare ancora più bravi in quello che, in realta’, sanno gia’ fare abbastanza bene (=TECNICISMO).
  2. rimpinzarsi di vaghi discorsi “motivazionali”, di “auto-stima” e di “sviluppo personale” (=VOODOO).

ESEMPIO DELLA PRIMA STRADA:

Sei già un bravo massaggiatore, istruttore, coach o ristoratore.
Intendo dire: bravo quel tanto che basta per far bene. Non vedendo ancora la tua attività decollare, e raggiungere il successo che meriti, pensi bene di fare un altro workshop di massaggio, un altro training intensivo, un altro programma di formazione, un altro corso di cucina.

Questi, ovviamente, costano soldi e (diciamo la verità) quasi mai finiscono per portare soldi nella tua attività.

ESEMPIO DELLA SECONDA STRADA:

La tua attività non cresce e, allora, pensi bene di partecipare a un corso di “sviluppo personale”, o di “auto-stima” o di “motivazione”. Torni a casa “pompato” e motivato, ma poi ti accorgi che – concretamente -

a) la “magia” (Voodoo) non dura a lungo

b) risultati/differenze apprezzabili… non se ne vedono, o è difficile misurarli

c) dopo un po’ non capisci o non ti ricordi cosa hai fatto e, nel complesso, hai la strana sensazione di aver affrontato il problema “dalla parte sbagliata”…

Non sto dicendo che queste due vie sono inefficaci…

…di fatto, producono i loro risultati, sia pure in modo lento, graduale, “incrementale”, “sudato” (se non “sofferto”).

Quello che vogliamo chiederci oggi, però, è semplicemente…

Esiste una “Terza Via”?

Esiste un’altra via, in grado di far crescere le tue attivita’ e i tuoi progetti in modo esplosivo, anziché lento e graduale?

Esiste una “scorciatoia”, un “effetto-leva”, capace di farti crescere in ciò che fai, sia pure in modo non-ortodosso (contro-intuitivo)?

Secondo me, la risposta è  (e se continui a leggere, lo verificheremo insieme).

La risposta arriva se, anziché concentrarci su noi stessi (sul migliorare le nostre “abilita’ tecniche”, sul migliorare la nostra auto-stima, ecc. ecc.) ci concentriamo sugli altri.

Cioè:

-> sul nostro pubblico di riferimento

Cioè, come dicono i Marketers…

-> sul nostro mercato (che poi sono altri esseri umani viventi, proprio come noi).

Di cosa ha veramente bisogno il tuo pubblico, al giorno d’oggi, più di ogni altra cosa?

C’era una volta l’Era Industriale. La gente aveva bisogno soprattutto di beni, di prodotti.

Poi è arrivata l’Era dell’Informazione. Si è scoperto il valore e il potere dell’Informazione e la gente ha capito che, per progredire e “fare carriera” in questo mondo, ci vuole soprattutto Informazione.

Poi è arrivata l’Era dell’Attenzione. Nell’Epoca di Internet, il problema non è più accedere alla Informazione, ma “proteggersi” dall’eccesso di Informazione e (compito difficile!) decidere a quale informazione prestare la propria attenzione.

Infine, siamo ormai arrivati nell’Era della Raccomandazione. E’ troppo difficile cercare da soli nel Mare dell’Informazione, cosa/chi è degno di fiducia e cosa/chi non lo è.

Il pubblico ha bisogno di guide autorevoli, di cui potersi fidare e di cui seguire Consigli e Raccomandazioni.
E questo si applica a tutti i settori, senza eccezioni.

Quindi, tornando all’esempio di prima: se tu sei già un bravo massaggiatore, istruttore, coach o ristoratore, ma non vedi la tua attività crescere come vorresti, qual è la terza via che può portarti quei risultati che meriti?

Di cosa ha veramente bisogno, il tuo pubblico di riferimento?

Il tuo pubblico ha bisogno di guide autorevoli, di “Leaders” del settore, di cui potersi fidare

Dunque il Passo Numero Uno è la capacita’ di Leadership, di Guida, di diventare un Punto di Riferimento nel tuo “mercato”.

Ma portiamo il discorso ancora oltre, alle sue estreme conseguenze…
Secondo uno dei miei Mentori di Marketing, Dan Kennedy, ci sono quattro livelli nella capacità di Leadership (o di Guida) all’interno di un mercato (o di un settore):

  1. si può essere generalisti
  2. si può essere specialisti
  3. si può essere autorità
  4. si può essere celebrità

Questi sono ovviamente in ordine crescente, per quanto riguarda la capacità di influenzare un dato mercato e di emergere al suo interno.

Riguardiamo insieme questi quattro livelli.

  1. Si può essere generalisti: questo dipende semplicemente dalla appartenenza a una data categoria.
    Esempio: sei un Medico.
  2. Si può essere specialisti: questo dipende dalla competenza.
    Esempio: sei un Cardiologo.
  3. Si può essere autorità: questo dipende dalla reputazione.
    Esempio, chiedo in giro ad amici e conoscenti: “Chi è il miglior Cardiologo nella nostra città?”. E mi fanno il tuo nome.
  4. Si puo’ essere celebrità: questo dipende dalla fama.

Esempio: sei il Cardiologo per antonomasia, quello che viene invitato in Televisione e nei programmi radiofonici, e che ha scritto un paio di Best-Sellers divulgativi sulla salute del cuore.

Questi quattro livelli, come vedi, sono in ordine di Leadership, di Autorevolezza e capacità di guida all’interno di un Settore. Nota bene che, al livello di Autorità e Celebrità, non hai più bisogno di convincere nessuno, non hai nulla da dimostrare, non ti servono elaborati “sistemi di marketing”, e neppure “prove”.

Semplicemente: il pubblico prenota la visita, si mette in lista d’attesa, vede il Cardiologo e fa tutto quello che lui consiglia di fare, punto.

Adesso, Attenzione:

Diventare leader o autorità (o celebrità) non ha nulla a che vedere col gonfiare il proprio ego!

Gonfiare il proprio ego è (né più, né meno) un disturbo narcisistico della personalità, un atteggiamento che andrebbe curato con massicce dosi di Terapia o di Meditazione, per il semplice fatto che procura infelicità a chi ne è vittima.

(rileggi una seconda volta: questo era importante).

Diventare Guide, Leader, Autorità o Celebrità ha a che fare con…

Servire meglio il proprio pubblico

Esatto: è proprio questo che ti consente di fare meglio quello che fai, è questo che ti consente di conquistare la Fiducia del tuo Pubblico, è questo che ti consente di aiutarlo nel modo migliore ed è questo che ti consente di offrire al tuo Pubblico quello che cerca: una Guida autorevole di cui potersi fidare, in un mare di confusione e di opinioni diverse.

Ti faccio notare un’ultima cosa importante: ci sono due errori apparentemente opposti che tutti fanno, quando si tratta di cimentarsi col ruolo di Autorità, Guida, Leader e così via…

O si gonfia il proprio ego (come dicevo poco fa)…
O ci si sminuisce agli occhi degli altri, ci si rimpicciolisce, si nasconde il proprio potere personale e ci si ritrae, come se il ruolo di Leader o di Autorità fosse motivo di grande imbarazzo o vergogna.

Anche quest’ultimo è un disturbo narcisistico della personalità (= essere troppo concentrati su se stessi) e andrebbe curato con massicce dosi di Terapia o Meditazione.

Quindi queste due “storture” sono opposte solo in apparenza. In realtà, sono due reazioni contrarie allo stesso fenomeno.

Va bene, ho blaterato a sufficienza per oggi.
Quello che mi preme che tu comprenda e metta in pratica, per il tuo stesso bene e per il bene del tuo pubblico, è che il futuro, in tutti i campi e in tutti i settori, appartiene a chi sarà capace di offrire agli altri…
…quello che cercano (!) cioè:

  • Guida, leadership
  • Consiglio autorevole
  • Buon esempio
  • Mantenere le promesse

Come sempre la “maggioranza” (troppo pigra per riflettere su questi argomenti, e per sforzarsi di metterli in pratica) verrà lasciata indietro, in questa nostra Era della Raccomandazione…

E tu, invece?

Il mio consiglio per te, che hai avuto la pazienza e la saggezza di leggere fin qui, è: esplora questa “Terza Via” con tutte le tue forze, e sarà il miglior investimento che tu abbia fatto nella tua Attività.

Con i miei saluti più cordiali,

Italo Cillo
Fondatore e Direttore di The Blueprint




17 Commenti

  1. roberto dice:

    Caro Italo Cillo , io ho una foto con te scattata nel tour a rimini che ha tenuto ROBERT KIYOSAKI , be che dire li hai superato tutto e tutti alla grande ( e per questo e tanto altro ti faccio i miei complimenti).Ora sono qui a scriverti perchè a distanza di quasi un anno ,dove ho cancellato la mia iscrizione a cerchia ristretta, ho trovato la mia passione finalmente.
    Aspetto il lancio di blue print per decollare nel mondo della fama , un caro saluto a presto .

     

    Rispondi

  2. Manuela dice:

    Ciao Italo, ho avuto la sensazione di ricevere uno schiaffo ben piazzato leggendo la frase:

    Quindi queste due “storture” sono opposte solo in apparenza. In realtà, sono due reazioni contrarie allo stesso fenomeno.
    Grazie…

     

    Rispondi

  3. Marco dice:

    Ma i commenti vengono bloccati? Comunque dov’è il prodotto da acquistare?

     

    Rispondi

  4. Sergio dice:

    Alle scorciatoie per ottenere risultati non ci ho mai creduto; ma ho sempre sperato di poterne trovare qualcuna (come molte anime di questo mondo) anche se non lascia molto spazio a speranze concrete.
    Una terza via da intraprendere a questo scopo, invece, lascia una vera speranza di poter ottenere risultati in modo concreto.
    Perciò attendo con ansia la possibilità di poter VEDERE e ASCOLTARE………cercando di pormi a metà via tra i due errori opposti (mi pare sia la soluzione migliore e più produttiva di sfruttare questa opportunità) che si corrono una volta raggiunto l’obbiettivo finale del video seminario.

     

    Rispondi

  5. Agostino dice:

    ciao Italo,
    devo riconoscere che i termini di leader, autorità e celebrità suscitano ancora in me un senso di repulsione e ribellione, forse perchè per troppo tempo, nel nostro vivere comune, ho visto questi concetti associati a falsità in settori sociali quali religione, politica, scienza, conoscenza, spettacolo etc…
    Ho trovato nella meditazione (bellissima la tua!) la via per uscire da questa visione ed osservare la realtà con occhi diversi ma credo che in me ci sia ancora un concetto falso di umiltà che mi impedisca di accettare appieno la mia Vera Identità.
    Seguirò con vera gioia e interesse il tuo video-seminario certo che per me rappresenterà un ulteriore passo…o un salto… in avanti. ciao Italo grazie e … ti voglio bene

     

    Rispondi

  6. Ben dice:

    Non so se sia utile lasciare qui dei commenti. Infatti ad oggi non vedo alcuna risposta da parte dell’autore.

    Se fosse possibile vorrei un chiarimento: infatti non mi risulta chiaro il processo per cui un giovane appena laureato in medicina possa farsi conoscere come il miglior chirurgo della zona e farsi intervistare dalle tv. Credo che questo possa accadere solo a fine carriera, e non a tutti.

    O esiste una scorciatoia?

     

    Rispondi

  7. Michele dice:

    Complimenti Italo: Sei forte!

     

    Rispondi

  8. ABELE dice:

    Salve. Sono convinto di poter raggiungere la mia libertà finanziaria si trovo gli esperti come voi che mi possono insegnare come posso servire nel miglior mode la cerchia della mia nicchia? . Spero di essermi nel posto giusto al momento giusto visto che sono la Persona Giusta. Confidoooo!

     

    Rispondi

  9. Paola dice:

    Bene, prepariamoci a imparare e poi soprattuto, a mettere in pratica. Ti seguo da un pò e posso dire che i tuoi insegnamenti sono sempre preziosi. La nostra parte è seguirli perchè essi rendono preziosi anche la “farina del proprio sacco”.

     

    Rispondi

  10. Melanie Blomfield 2 dice:

    Nessuna di queste cose però aveva alcuna speranza di trovare una applicazione pratica nella mia vita.

     

    Rispondi

  11. Austin Dertamuso dice:

    Sono cieco quando la paura di esser giudicato mi porta a non vedere che posso cambiare, migliorare e fare scelte diverse nella vita.

     

    Rispondi

  12. Nicola dice:

    Ti ringrazio per gli ottimi ed istruttivi consigli che ci dai.
    Nicola

     

    Rispondi

  13. giuseppe dice:

    Piu’ rileggo queste frasi e piu’ mi scopro di quante cose posso esser capace di fare e di quanto male le abbia offerte ai miei clienti e amici.
    Grazie Italo!

     

    Rispondi

  14. anna dice:

    Grazie…devo dire che avere l’opportunità di leggere questo post mi fa molto onore!
    bene…allora cercherò di farne tesoro e visto che mi trovo in questa Era della Raccomandazione (-__-” ??? :-) io invece vedrò di guadagnarmi e conquistarmi l’autorità e celebrità che merito senza gonfiarmi troppo ma mantenendo il mio ego sano e felice

     

    Rispondi

  15. Silvia dice:

    chiaro, semplice, diretto! Rifletterò sugli interessanti spunti che hai dato in questo post. Grazie!

     

    Rispondi

  16. Luca dice:

    Tutto questo è decisamente interessante per non dire affascinante.
    Diventare un’autorità o una celebrità non è affatto facile tuttavia internet oggi offre mille strumenti.

    buona giornata

     

    Rispondi

  17. emanuela dice:

    Gent:mo Italo,condivido il tuo pensiero e cerco di metterlo in pratica. Il mio curriculum: ho lavorato come ragioniera alla Vimet spa di Vicenza, come operatrice d’assistenza all’Istituto Salvi di Vicenza, frequentando i relativi corsi. Ho imparato la videoscrittura Word 97. Il nuovo corso di operatore socio sanitario l’ho frequentato con merito per metà anno nel 2005. Ho fatto volontariato nelle parrocchie di Chiuppano VI e di Monticello Conte Otto VI . Ho seguito per quattro anni mio papà a casa e nella casa di riposo di Breganze VI. Quest’anno sto finendo il corso anicec.it per animatori della cultura e della comunicazione (volontariato in parrocchia e in diocesi) e vorrei impegnarmi con il cineforum. Ma il mio vero lavoro sarà il counselor (simile al coach), il professionista nella relazione d’aiuto. Ho il corso finale a fine gennaio 2012 a milano. Può essere che frequentando Cerchia Ristretta io prenda un altro indirizzo lavorativo, staremo a vedere. Forse mi basta fare intanto la “Cerchia base” per cercare d’imparare e orientarmi. Qualunque tuo consiglio mi sarà senz’altro di aiuto. Grazie di tutto, ciao, emanuela (amabile maria per il codice fiscale) dal santo

     

    Rispondi

 

Le iscrizioni al theblueprint sono chiuse: compila il form qui sotto per essere avvisato quando riapriranno le iscrizioni